Macchie della pelle: il trattamento peeling bifasico

macchie pelle

Le macchie della pelle sono inestetismi per i quali il peeling bifasico si è rivelato un trattamento molto efficace.

Le macchie della pelle sono discromie cutanee. Queste sono determinate da una iperpigmentazione dovuta ad un'eccessiva produzione di melanina o a depositi di emosiderina, che rendono la macchia più scura rispetto alla pelle circostante. Potrebbe verificarsi anche il contrario, ossia una ipopigmentazione: in questo caso, la macchia è dovuta ad una diminuita produzione di melanina che fa apparire la zona più chiara rispetto alla pelle circostante come nella ipomelanosi guttata, localizzata tipicamente sulla cute delle braccia e delle gambe. 

Nella maggior parte dei casi però, quando si parla di macchie cutanee, si fa riferimento alle macchie da iperpigmentazione melanica; quindi, alle macchie scure causate da un'eccessiva produzione e distribuzione della melanina. Della melanina avremmo sicuramente sentito parlare: per lo meno conosciamo il legame tra melanina ed abbronzatura. Molte creme solari permettono di “accelerare” la produzione di melanina velocizzando il processo di abbronzatura. In effetti, la pelle esposta al sole diventa più scura, quindi va incontro ad una iperpigmentazione, causata proprio da un aumento della produzione della melanina. I melanociti producono più melanina per proteggere la pelle dall’azione degli UVA e UVB del sole, e noi guadagniamo un bel colorito dorato. Quante volte, però, il colorito non è uniforme ma “a chiazze”?

Sono diverse le cause che contribuiscono o predispongono alla formazione delle macchie cutanee. Sicuramente l’esposizione al sole ma anche l’età, l’assunzione di determinate classi di farmaci, per esempio alcuni dei più comuni antibiotici, oppure condizioni fisiologiche particolari come la gravidanza. Le macchie possono insorgere inoltre come risultato di lesioni infiammatorie della pelle preesistenti come acne, dermatosi infettive, dermatosi pruriginose o punture d’insetto.

In tutti i casi, le macchie della pelle rappresentano un fastidioso inestetismo e anche una fonte di disagio per molte persone. Tutto quello che influisce negativamente sull’aspetto estetico va anche a minare la fiducia in sé stessi ed il nostro modo di rapportarsi con gli altri. Oltretutto poi, le macchie compaiono sempre nelle zone più esposte: il volto, il collo, il dorso delle mani e il décolleté.

Per prevenire la comparsa delle macchie cutanee è importante curare la pelle attraverso una skin care quotidiana attenta e puntuale. Una particolare attenzione andrebbe prestata durante l’esposizione al sole, utilizzando delle creme solari con fattore di protezione (SPF) adeguato, evitando sempre di esporsi nelle ore più calde cioè quelle centrali della giornata, quando i raggi del sole sono più intensi.

Fortunatamente oggi la medicina estetica è perfettamente in grado di trattare le macchie della pelle, attraverso trattamenti non invasivi quali ad esempio il laser, oppure i peeling. È proprio nell’ambito dei peeling che troviamo uno dei trattamenti più innovativi: il peeling bifasico. La sua formulazione prevede la presenza di un acido forte, il quale va a svolgere l’azione esfoliante profonda tipica di tutti i peeling chimici, coniugato con molecole funzionali costituite da aminoacidi e vitamine, i quali vanno invece a nutrire la pelle.

Macchie della pelle: le cause d’insorgenza

Le macchie cutanee rappresentano uno dei problemi estetici più comuni e fastidiosi. Possono comparire in varie forme e colori e le cause sono molteplici, spesso dipendenti da fattori sia fisiologici che ambientali. Le cause principali che portano alla formazione delle macchie solari sono le seguenti:

  1. Esposizione al sole: l'esposizione eccessiva ai raggi UVA e UVB può causare la formazione di macchie solari o lentiggini, che appaiono come piccole macchie più scure sulla pelle.
  2. Invecchiamento: con il passare degli anni è comune sviluppare lentiggini senili o macchie dell'età, a causa del naturale processo di invecchiamento della pelle.
  3. Disfunzioni ormonali: cambiamenti ormonali, come quelli che si verificano durante la gravidanza, possono portare alla comparsa di melasma ed altre macchie cutanee.
  4. Cicatrici da acne o ferite: le cicatrici lasciate dall'acne o da ferite precedenti possono causare macchie più scure o chiare sulla pelle.
  5. Condizioni mediche: alcune patologie della pelle, come la vitiligine o la dermatite, possono causare alterazioni della pigmentazione cutanea. Non dimentichiamo inoltre che quando si è in terapia con alcune tipologie di farmaci, anche una normale esposizione al sole potrebbe causare la comparsa di macchie.

Le diverse tipologie di macchie della pelle

Le macchie cutanee si possono classificare in diverse tipologie, a seconda delle caratteristiche e delle cause che le determinano. Le principali lesioni da iperpigmentazione cutanea sono le seguenti:

  1. Melasma (o cloasma): caratterizzato dalla presenza di aree con una concentrazione non uniforme di melanina. Le cause scatenanti possono andare da un’esposizione al sole massiccia e non controllata, a variazioni degli ormoni sessuali femminili, e non a caso si può manifestare frequentemente in gravidanza o nelle donne che utilizzano la pillola anticoncezionale sulla fronte e nella zona periorale. 
  2. Efelidi: da non confondere con le lentiggini, sono dovute ad accumuli di melanina che si evidenziano come macchie di un colorito che va dall’ocra al bruno chiaro, e si riscontrano frequentemente nelle persone con fototipo 1, con capelli rossi ed occhi azzurri. Si trasmettono geneticamente, poi con l’età possono aumentare ed accentuarsi con l’esposizione al sole.
  3. Lentiggini: le lentiggini sono più scure delle efelidi, anche se la causa determinante dell’iperpigmentazione è sempre un accumulo di melanina. Hanno in genere una forma rotondeggiante e si manifestano di più in età adulta. A differenza delle efelidi non si accentuano con l’esposizione al sole, ma l’esposizione al sole può esserne invece la causa. Si parla in questo caso di lentigo solari, che compaiono frequentemente sul viso e sulle spalle.
  4. Macchie dell'età o lentigo senili: sono macchie scure che si formano sulla pelle con l'avanzare dell'età. La comparsa delle lentigo senili è causata da un aumento del numero di melanociti e da un'alterazione della loro distribuzione. Le zone più interessate sono il volto e il dorso delle mani.
  5. Macchie da lesioni post-infiammatorie: sono il risultato di lesioni infiammatorie della pelle preesistenti come acne, dermatosi infettive, dermatosi pruriginose, punture d’insetto. Possono insorgere anche in seguito ad interventi chirurgici.

Il peeling bifasico per il trattamento delle macchie della pelle

Il peeling bifasico è un trattamento di medicina estetica che viene eseguito con lo scopo di eliminare le macchie cutanee o discromie, migliorando la qualità e l’aspetto della pelle. Il peeling è un trattamento di tipo non invasivo. Il peeling classico o monofasico è un prodotto nella cui formulazione può essere presente un acido forte, come ad esempio l’acido tricloroacetico (TCA) a diverse concentrazioni a seconda dell’inestetismo da trattare, oppure acidi più deboli come quelli della frutta: questi ultimi sono indicati se si vuole eseguire un peeling superficiale, si utilizzano spesso per esempio per migliorare la qualità della pelle nei pazienti più giovani.

L’acido forte opera un’esfoliazione più profonda: rimuove gli strati di cellule morte superficiali e scopre gli strati più profondi della pelle, nei quali va a stimolare il turnover cellulare portando così ad un rinnovamento tissutale, con la conseguente eliminazione degli inestetismi come le discromie.

Il peeling bifasico unisce all’acido forte, come ad esempio il TCA, gruppi funzionali di amminoacidi e vitamine. Mentre l’acido forte esplica la sua azione, i gruppi funzionali fungono da catalizzatori, accelerando il processo di rigenerazione del tessuto. Nello stesso tempo quindi, il peeling bifasico permette non solo di esfoliare la pelle, rimuovendo lo strato esterno danneggiato e sul quale sono presenti le macchie, ma anche di rigenerare derma ed epidermide, producendo nuove cellule e ripristinando l’uniformità della texture e della pigmentazione cutanea.

Il peeling bifasico offre il vantaggio di poter essere personalizzato adattandosi alle esigenze del paziente, al suo fototipo e al tipo di macchia. Questo, se eseguito da un medico chirurgo esperto, presenta effetti collaterali nulli o minimi e un breve periodo di recupero. La pelle potrebbe apparire arrossata o leggermente desquamata per alcuni giorni, ma questi sintomi scompaiono molto velocemente.

Il peeling bifasico è quindi un trattamento di medicina estetica sicuro ed efficace perché combina l'esfoliazione chimica con la rigenerazione cutanea, fornendo risultati visibili e duraturi non solo sulle macchie cutanee ma anche sulla texture e l’elasticità della pelle. 

 

Sei un medico estetico?

SCOPRI MERZ CARE! OGNI GIORNO SIAMO AL TUO FIANCO CON SERVIZI ESCLUSIVI PER LA TUA PROFESSIONE: CONTATTA I NOSTRI ESPERTI.

Lunedì - Venerdì dalle 8.30 alle 21.00

BENVENUTO NEL SITO MERZ AESTHETICS ITALIA

SEI UN OPERATORE SANITARIO?

SI, SONO UN OPERATORE SANITARIO

NO